Prenota un appuntamento con la Dott.ssa Pedrinelli Carrara 347.9471337

Il vissuto psicoemotivo nella coppia quando non si rimane incinta

Il vissuto psicoemotivo nella coppia quando non si rimane incinta

Ad un certo punto della vita, in molte coppie, nasce il desiderio di avere un figlio.

Da quel momento, la coppia inizia un progetto di vita fatto di una serie di avvenimenti che la porterà a coronare il sogno di genitorialità.

Quando però questo non avviene e il desiderio non si traduce in realtà, l’impatto psicoemotivo diventa sempre più rilevante arrivando ad influenzare pensieri e comportamenti oltre alla vita affettiva e sociale della coppia.

Il vissuto psicoemotivo

Le emozioni che si provano quando non si riesce ad avere un figlio sono molto più numerose di quanto ce ne rendiamo conto anche se solitamente si contattano tristezza e dispiacere.

In realtà, la tristezza e il dispiacere sono le emozioni di cui siamo maggiormente consapevoli poiché siamo più abituati a riconoscerle.

Nella maggior parte dei casi si provano anche tante altre emozioni come rabbia, impotenza, ansia, angoscia, frustrazione, invidia, vergogna, sorpresa negativa, paura, acredine.

Ciò non significa che le proviamo tutte e insieme, ma che alcune di loro le proviamo con più probabilità e che possiamo vivere più emozioni insieme in base al nostro vissuto psicologico e situazionale.

Modi, tempi e cause del vissuto emotivo

È bene chiarire subito che stiamo parlano di un lutto, cioè di una perdita psicoaffettiva importante che, in questo caso, è la mancata fertilità.

In entrambi i casi, sia di sterilità che di infertilità, c’è una mancanza importante, un vuoto, un percepire se stessi in modo incompleto e passivo, il non poter concretizzare il proprio progetto di genitorialità.

La persona contatta l’impotenza effettiva di poter trasmettere la propria eredità genetica o di poterlo fare in modo naturale.

Dal momento in cui si apprende, questa informazione può cambiare il modo di percepire se stessi e/o il proprio partner e può iniziare il percorso di lutto, di dolore.

La coppia può provare le stesse emozioni, ma in modi e in tempi diversi oppure con modalità e tempistiche simili oppure in maniera ancora più differente o uguale.

Non esiste una linearità nel vissuto emotivo della coppia, proprio perché è composta da due persone che hanno una storia personale, un carattere, un vissuto famigliare e sociale con alcune caratteristiche simili ma con altre differenti.

Questo significa che, pur vivendo entrambi il lutto dell’infertilità o della sterilità, ogni soggetto può dare a questo evento un significato diverso e quindi viverlo in maniera disuguale all’altro.

Indagare la causa

Per prima cosa bisogna comprendere la causa del non concepimento che può riguardare la sterilità o l’infertilità.

Si tratta di sterilità quando la persona non può concepire un figlio, si tratta di infertilità quando la persona non riesce a portare a termine una gravidanza naturale con la nascita di un figlio sano.

In alcuni casi, un membro della coppia, raramente entrambi, per motivi organici o fisici (per esempio per varicocele, per malattie infiammatorie pelviche, infezioni sessualmente trasmesse, complicanze dovute all’uso di sostanze tossiche, malformazioni genitali o altro) non può o non può più avere figli.

In altri casi, non esiste una causa organica o fisica, ma sta di fatto che dopo almeno sei mesi o un anno di continui tentativi (in base all’età o ad altre situazioni) la coppia non riesce ad avere un figlio (infertilità primaria) o non riesce ad avere un altro figlio (infertilità secondaria).

È possibile che, in situazioni di infertilità, ci sia una causa psicologica; ma anche quando la causa è prettamente organica o fisica, il vissuto emotivo è rilevante.

Di fatto, nella persona si sviluppa la consapevolezza di non riuscire ad avere figli o ad averli in modo naturale e si possono attivare determinate ripercussioni psicologiche date dalla causa del non concepimento e dal percorso di PMA (Procreazione Medicalmente Assistita) soprattutto quando non va subito a buon fine.

Qualsiasi situazione può sbilanciare il vissuto della coppia perché il problema principale e più devastante non è, generalmente, l’infertilità o la sterilità, ma i significati che vi vengono attribuiti.

Leggi la seconda parte dell’articolo: Indicazioni psicologiche per quando non si rimane incinta

È vietata la riproduzione anche parziale del testo senza il riferimento al titolo dell’articolo e all’autrice.

Possono interessarti anche i seguenti articoli

Il vissuto emotivo nel percorso di procreazione medica assistita

Il meccanismo psicologico disfunzionale per la procreazione

Il sostegno psicologico nell’infertilità e nella procreazione medica assistita

Dott.ssa LAURA PEDRINELLI CARRARA
Psicologa, Psicoterapeuta
Studio in Via Marche, 71 a Senigallia (An)
Cell. 347/9471337
www.laurapedrinellicarrara.it

laurapedrinelli@libero.it

 PER INFO O APPUNTAMENTO

Oppure contattami per ulteriori informazioni

IL TUO NOME (richiesto)

LA TUA EMAIL (richiesto)

IL TUO NUMERO DI TELEFONO (richiesto)

OGGETTO
InformazioniAppuntamento

IL TUO MESSAGGIO

Nota: Per correttezza e rispetto della tua privacy, il sistema impedisce l'invio della mail senza il consenso al trattamento dei dati.

In ottemperanza dell'informativa privacy ai sensi dell'art. 13 del regolamento UE 2016/679 e dell'art. 13 del D.Lgs 196/2003, esprimo il consenso al trattamento dei miei dati sensibili conferito alla dott.ssa Laura Pedrinelli Carrara

 

Se credi che questo articolo possa essere utile e vuoi contribuire alla sua diffusione, condividilo attraverso uno dei canali social presenti qui sotto!
Facebooktwitterlinkedinmail
246 utenti hanno letto questo articolo

Presente su:

Contatti:

Senigallia (AN): Via Marche, 71
+(39) 347.9471337
scrivi una mail
P.IVA 02240300422
C.F. PDRLRA66P57I608R

Seguimi sui social:

Facebooklinkedinyoutube