Contatta la Dott.ssa Pedrinelli Carrara 347.9471337

Il sostegno psicologico

Il sostegno psicologico

Che cosa è il sostegno psicologico?

Il sostegno psicologico è un’azione di supporto ben specifica effettuata da uno psicologo verso una persona che sta vivendo un momento di vita particolarmente difficile e sofferente.

Quando richiederlo?

A volte la vita ci mette a dura prova, solitamente attraverso un evento particolarmente doloroso, oppure tramite una serie di esperienze difficili che diminuiscono notevolmente le nostre energie psicofisiche.

In altri casi, è la persona che ci sta accanto a vivere un momento estremamente complesso a causa di una grave malattia o di un accadimento angoscioso e noi, di riflesso, ne siamo addolorati e abbiamo bisogno di trovare un supporto psicologico per meglio riuscire ad aiutare la persona a cui stiamo vicino o noi stessi.

Perché richiederlo?

Quando si parla di vissuti psicologici i motivi sono sempre tanti quante sono le persone, alcune ragioni possono essere:

  1. Per stare meglio con noi stessi e con gli altri. Perché ci è stata diagnosticata una malattia organica. Perché abbiamo perso una persona a cui volevamo molto bene. Perché ci sentiamo soli o siamo rimasti soli. Perché il nostro partner non ci comprende o non ci dimostra più affetto come prima. Perché il nostro partner ci ha lasciato. Perché non ci sentiamo abbastanza compresi dagli altri.
  2. Per migliorare il nostro benessere e/o quello di chi ci sta accanto. Perché se siamo meno stressati, meno confusi, se abbiamo un maggior equilibrio emotivo, la situazione che dovremo affrontare sarà meno angosciante e potrà avere maggior opportunità di riuscita. Perché se vogliamo prenderci cura dei nostri cari dobbiamo prima stare bene noi stessi, altrimenti non siamo realmente di aiuto a nessuno, ma le nostre azioni e i nostri pensieri saranno influenzati dall’ansia e dall’inquietudine, dalla preoccupazione e dalla sofferenza che stiamo vivendo.
  3. Per migliorare la nostra autostima, aumentare la sicurezza che abbiamo di noi stessi e imparare a volerci più bene.
  4. Per iniziare a prenderci cura di noi stessi. Alcune persone tendono a prendersi totalmente cura di chi amano e a trascurare se stesse, col tempo succede che la psiche richieda le attenzioni mancate attraverso dei sintomi psico-corporei per riportare la persona a prendersi cura di sé, a riappropriarsi dei propri giusti spazi.

Ricordiamoci sempre che quando eravamo bambini ci accorgevamo se i nostri genitori avevano litigato, anche se al nostro rientro facevano finta di niente. Ancora oggi, verso le persone a noi care, abbiamo uno speciale intuito che ci fa comprendere se sono serene oppure no, quindi come pensiamo noi di poter mentire ai nostri cari essendo convinti di manifestare una certa tranquillità se non l’abbiamo?

In che cosa consiste il sostegno psicologico?

Il sostegno psicologico avviene attraverso una serie di sedute nelle quali lo psicologo ascolta la persona e l’aiuta ad esprimere ed elaborare nella giusta modalità i propri vissuti psicologici. L’individuo ha modo, così, di esprimere liberamente i propri disagi e di comprendere il modo migliore per gestire la propria situazione di vita.

Nello stesso tempo, si depotenziano le emozioni di disagio aiutando la persona a valutare in modo diverso gli accadimenti e a potenziare le proprie risorse e il modo col quale far fronte alle diverse situazioni.

In alcuni casi, il professionista, può avvalersi anche di alcune tecniche specifiche per aiutare la persona a migliorare il proprio benessere, nel mio caso, per esempio, utilizzo tecniche del modello Mente-Corpo, come la respirazione e il rilassamento con immagini visive guidate, l’ipnosi e le tecniche simboliche.

Tramite queste tecniche si migliora e si abbrevia il percorso aiutando la persona a ritrovare in tempi meno estesi il proprio benessere.

Perché rivolgersi ad uno psicologo?

  1. La professionalità
    Perché lo psicologo è l’unico che possa effettuare un sostegno psicologico professionale e quindi mirato realmente ad aiutare il soggetto nel suo momento di difficoltà psicologica, evitando così di far cronicizzare gli aspetti emotivi negativi e di far “congelare e archiviare” la sofferenza psicologica.

Sofferenza che se non elaborata potrebbe influenzare comunque la vita della persona in modo inconsapevole ed essere rivissuta maggiormente amplificata nel caso di una prossima situazione di vita difficile e dolorosa.

A volte, quando attraversiamo un momento doloroso, ci troviamo ad essere sempre molto attivi perché questo ci aiuta a non pensare e quindi a reagire ed affrontare bene la situazione di sofferenza, poi, una volta terminata la situazione forte di dolore, continuiamo a riempirci di impegni per evitare di pensarci in modo più profondo. In realtà non abbiamo superato il problema, lo abbiamo solo messo da una parte.

Solitamente, sfogarsi con i propri cari non avviene o non basta, molte persone rinunciano a svelare le proprie preoccupazioni a chi gli sta vicino per non contribuire a peggiorare lo stesso malessere che direttamente o indirettamente stanno vivendo; per esempio, non posso sfogarmi, del dolore che sto provando, con mio marito perché lui stesso sta vivendo dei momenti difficili al lavoro e quindi contribuirei a farlo stare emotivamente peggio.

Anche parlare con i propri amici non sempre fornisce un valido supporto. Di fatto, le persone a noi vicine pensano spesso che sminuendo il valore delle nostre preoccupazioni possano lenire le ansie e il dolore associato oppure hanno bisogno più di noi di sfogarsi. Per questo motivo, frasi del tipo: “Ma tanto tu sei forte!”; “Vedrai che le cose prima o poi miglioreranno”; “Tu non ci pensare, cerca di uscire e lascia un po’ di responsabilità anche agli altri!” ; “Sapessi io invece quello che vivo, proprio ieri mi è successo che ….” da un lato ci possono far piacere, ma spesso ci fanno sentire non compresi e ci inducono a parlarne sempre meno o comunque a non averne un riscontro costruttivo, che ci aiuti realmente a stare meglio con noi stessi.

2. Il segreto professionale tutelato dall’Ordine Professionale regionale e nazionale (CNOP)
Un altro valido motivo è che lo psicologo è vincolato dal segreto professionale e ci sono casi in cui, pur avendo intorno a noi persone molto sensibili e accoglienti, ci sono cose di noi, della nostra storia, del nostro modo di comportarci che non vogliamo far sapere e che invece possiamo dire tranquillamente ad un professionista che ci ascolta, non ci giudica e non dirà mai a nessuno ciò che gli riveliamo.

Possono interessarti anche gli articoli:

La consulenza psicologica (o counseling psicologico)

Il percorso psicoterapeutico

Il sostegno psicologico nell’infertilità e nella procreazione medica assistita

Dott.ssa LAURA PEDRINELLI CARRARA
Psicologa, Psicoterapeuta
Studio in Via Marche, 71 a Senigallia (An)
Cell. 347/9471337
www.laurapedrinellicarrara.it

laurapedrinelli@libero.it

Se credi che questo articolo possa essere utile e vuoi contribuire alla sua diffusione, condividilo attraverso uno dei canali social presenti qui sotto!
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
923 utenti hanno letto questo articolo

Lascia un commento

Presente su:

Idea Psicologo
Ordine degli Psicologi delle Marche

Contatti:

Senigallia (AN): Via Marche, 71
+(39) 347.9471337
scrivi una mail
P.IVA 02240300422
C.F. PDRLRA66P57I608R

Seguimi sui social:

Facebookgoogle_pluslinkedinyoutube