Contatta la Dott.ssa Pedrinelli Carrara 347.9471337

Sessualità e problemi di sessualità come comunicazione di sé e della coppia

 

Si ringrazia vivamente l’artista Andrea Crostelli per aver gentilmente concesso la pubblicazione della sua opera per il mio articolo.

La sessualità è una parte importante del nostro modo di esprimerci, di ricevere e di dare affetto. Di fatto, ogni atto sessuale è comunicazione. Con la sessualità possiamo comunicare: amore, indifferenza, rabbia, passività, energia, egoismo, altruismo, generosità, pudore e tanto altro ancora.

Molto spesso una buona relazione di coppia esprime una sessualità soddisfacente, allo stesso modo, quando le interazioni fra i partner si raffreddano, quando determinati problemi sorgono e distanziano  le persone ecco che possono nascere anche difficoltà sessuali.

In alcuni casi, la correlazione fra problemi di coppia problemi sessuali è manifesta, in altri no. Può succedere che la quotidianità porti i due partner a distanziarsi sentimentalmente senza neanche accorgersi. Ci si vuole bene, ma l’amore, quella fiamma che ardeva viva, ora non c’è più e lo si vive come consuetudine. A peggiorare le cose si immettono anche i problemi dati dalla convivenza, dalla diversa educazione verso i figli, dal lavoro e altro ancora. Così succede che ci si ritrova a convivere come due amici o poco più o a chiedersi come mai fra le lenzuola non succede più nulla, in molti casi è solo uno dei due che non desidera più l’altro come prima e che trova tutte le motivazioni possibili per valutare la scarsa sessualità come normalità o come un periodo passeggero, che però così passeggero in realtà non è.

Anche i livelli elevati di stress creano forti influenze sulla libido maschile e femminile e sulla capacità di erezione del pene. Pensiamo a quanto l’insonnia o i disturbi del sonno in genere, le forti tensioni fisiche e psicologiche, le difficoltà di digestione o le frequenti emicranie  possano disturbare una sana e ben vissuta sessualità.

Purtroppo non sempre ci rendiamo conto che la mancanza di desiderio verso l’altro o i nostri problemi nel raggiungere l’orgasmo o l’erezione, per fare alcuni esempi, possono essere dovuti al bisogno di comunicarsi apertamente alcune cose invece di dirsele indirettamente attraverso la sessualità. Più facile è comprendere quando si tratta  di cause dovute a problemi di stress o a preoccupazioni varie e al pensare sempre che siano soprattutto,  o solo queste, le reali motivazioni.

I problemi di sessualità possono essere dati anche da disturbi organici o malattie (il diabete, per fare un esempio) o presentarsi come una sintomatologia dovuta alla somministrazione di determinati farmaci, quindi, è basilare comprendere anche se non vi sia una implicazione medica.

In alcuni casi, la coppia ha bisogno di ritrovare quegli spazi di intimità e complicità che ha perduto o ai quali sta dando da troppo tempo poca importanza. Spesso il tradimento nasce dal non sentirsi più desiderati dall’altro/a e quindi da una ricerca di attenzione che più o meno consciamente porta poi il partner traditore a farsi scoprire. Con questo non si vuole giustificare assolutamente questo tipo di comportamento, ma solo dargli una chiave di lettura, fra le varie che vi sono in base alle motivazioni possibili.

Purtroppo tendiamo col tempo a valutare l’intimità di coppia come qualcosa di superfluo, rispetto ai problemi incalzanti e opprimenti della quotidianità, o come qualcosa di egoistico o di collegato soltanto al piacere/sfogo corporeo. In realtà la sessualità è una attività basilare per il benessere della persona e della coppia e, come anticipato, è un modo di comunicarsi amore, gioco e complicità; perdere questo importante piacere può avere dei risvolti negativi sulla coppia soprattutto se a viverla in questo modo è soltanto un partner.

E’ importante perciò iniziare a parlarne, cominciare a capire se la diminuzione della frequenza o del desiderio sessuale sia legato ad una non reciprocità nel far provare piacere all’altro, ad una paura di gravidanza, ad un clima di coppia alterato o ad altro ancora. In molti casi, la ripresa di una buona complicità relazionale e sessuale è più semplice di quanto si pensi.

Se credi che questo articolo possa essere utile e vuoi contribuire alla sua diffusione, condividilo attraverso uno dei canali social presenti qui sotto!
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
499 utenti hanno letto questo articolo

Lascia un commento

Presente su:

Idea Psicologo
Ordine degli Psicologi delle Marche

Contatti:

Senigallia (AN): Via Marche, 71
+(39) 347.9471337
scrivi una mail
P.IVA 02240300422
C.F. PDRLRA66P57I608R

Seguimi sui social:

Facebookgoogle_pluslinkedinyoutube