Contatta la Dott.ssa Pedrinelli Carrara 347.9471337

Stimolare l’interesse dell’anziano

Quando si lavora con le persone anziane si è consapevoli che, in vari casi, è molto semplice catturare la loro attenzione, ma è altrettanto difficile ottenere il loro interesse.

Molti anziani sono restii a dare facilmente la loro fiducia all’operatore e a lasciarsi stimolare interessandosi veramente a ciò che gli viene proposto.

Essi, a volte, partecipano alle attività per la difficoltà di dire no o perché si annoiano, ma poi non sono davvero attivi. In altri casi, creano dei veri e propri muri. Poi, ci sono anche le persone anziane che, al contrario, farebbero “qualsiasi cosa” venga loro chiesto dall’operatore pur di avere con lui uno scambio e la sua considerazione.

Riguardo, invece, a quegli anziani che non si interessano è importante capire:

Perché non si fanno coinvolgere?

Ecco alcune possibili motivazioni:

  • Hanno prima bisogno di conoscere l’operatore e di sentire che lui è sinceramente interessato a loro.
  • Nella loro vita hanno vissuto delle situazioni che li hanno portati, o sono stati educati, a non fidarsi dell’altro.
  • Vissuti personali di sofferenza e disagio li hanno influenzati nel chiudersi alle novità e nel mantenere intimità solo con persone vicine affettivamente.
  • Sono entrati in struttura per anziani attraverso la menzogna del famigliare (per esempio, gli è stato detto che sarebbero stati ospitati solo per alcuni giorni e poi hanno capito che invece ci rimarranno per sempre) e questo tradimento li ha chiusi al mondo, alla fiducia e all’interesse verso gli altri.
  • Hanno un umore depresso o altri disturbi di tipo psicologico.
  • Hanno dei disturbi neurologici o psichiatrici.
  • Vivono male l’inserimento nella struttura per anziani e questo li ha portati a rinchiudersi in sé come protesta e come reazione al disagio che stanno vivendo.
  • Sono persone che nella vita hanno vissuto sempre o spesso in solitudine e non hanno piacere o non sono abituate a stare con gli altri, preferiscono stare da sole.

Come stimolare l’interesse dell’anziano?

  1. Iniziare evitando di giudicarlo e di farlo sentire diverso dagli altri.
  2. Accettare il suo disinteresse. A volte, l’operatore pensa di sbagliare se alcuni anziani non si fanno coinvolgere nelle attività o partecipano poco e di mala voglia. Non è detto che sia per forza così, forse la persona anziana ha bisogno di entrare in quell’atmosfera e di lasciarsi andare, per cui richiede tempo e rispetto dei suoi tempi.
  3. Conquistare quotidianamente la sua fiducia attraverso un rapporto sincero e rispettoso dell’altro. Per esempio, il trattarlo come un bambino non è rispettoso dell’anziano che è una persona adulta e va trattata come tale.
  4. Provare a coinvolgerlo in quelle attività facili che gli riescono meglio, attività che, inoltre, può trovare subito divertenti e gratificanti. Un esempio è l’esercizio con i palloncini per la coordinazione visuo-motoria e la socializzazione. E’ basilare spiegare all’anziano l’importanza del movimento per migliorare la circolazione sanguigna, il tono muscolare e aiutare i livelli di attenzione. Se la persona, solitamente, si siede lontano dagli altri o non vuole interagire con loro, svolgere l’esercizio effettuando 6-7 tiri reciproci con ogni utente in modo da evitargli, al momento, quella interazione con gli altri da cui si sta proteggendo e che avrebbe nell’esercizio di gruppo.
  5. Col tempo, coinvolgerlo sempre di più. Potrebbe succedere che l’anziano si interessi solo ad alcune attività e denigri completamente le altre, va bene lo stesso. Accettiamo ciò che riusciamo ad ottenere. Ciò non significa che non dobbiamo provare, col tempo, a stimolarlo anche sulle altre attività.

 

Per le attività con gli anziani possono essere utili questi libri, andando al link è possibile leggere la descrizione e vedere alcune pagine.

Laura Pedrinelli Carrara Una mente attiva. Precorsi di stimolazione cognitiva per la terza età Ed. Erickson collana I Materiali (2015)

Laura Pedrinelli Carrara Attività di animazione con gli anziani Stimolare le abilità cognitive e socio-relazionali nella terza età Ed. Erickson collana I Materiali (2013).

Laura Pedrinelli Carrara Allenamento cognitivo a circuito – Ed. Erickson- Collana I Materiali (2018)

 

Dott.ssa LAURA PEDRINELLI CARRARA
Psicologa, Psicoterapeuta
Studio in Via Marche, 71 a Senigallia (An)
Cell. 347/9471337
www.laurapedrinellicarrara.it
laurapedrinelli@libero.it

Se credi che questo articolo possa essere utile e vuoi contribuire alla sua diffusione, condividilo attraverso uno dei canali social presenti qui sotto!
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
208 utenti hanno letto questo articolo

Lascia un commento

Presente su:

Idea Psicologo
Ordine degli Psicologi delle Marche

Contatti:

Senigallia (AN): Via Marche, 71
+(39) 347.9471337
scrivi una mail
P.IVA 02240300422
C.F. PDRLRA66P57I608R

Seguimi sui social:

Facebookgoogle_pluslinkedinyoutube