Contatta la Dott.ssa Pedrinelli Carrara 347.9471337

L’importanza della riabilitazione mentale per gli anziani

La persona anziana che vive soprattutto in casa, o è ospite di una casa di riposo, tende a diminuire l’utilizzo delle proprie facoltà mentali, soprattutto quando un certo livello di demenza, la presenza di determinati problemi di salute o problematiche di deambulazione la privano di autonomia nello spostarsi e nell’interagire con gli altri. Con i recenti studi si è appreso che quanto viene perso, anche se dovuto a demenza, può essere in parte recuperato. Ovviamente ogni caso è a sé e dipende molto anche dal tipo e dalla gravità di demenza che sta sviluppando il soggetto. In generale, però, è ormai consolidato che sollecitare le abilità mentali dell’anziano aiuta a farle permanere più a lungo e a migliorare le proprie performances cognitive.

In commercio esistono vari libri per la ginnastica mentale, l’aspetto essenziale è sempre, però, quello di mantenere attivi gli anziani ma di non vicariali. Qualsiasi cosa intendiamo fare, esercizi di memoria, giochi con le carte, copiatura di forme o altro ancora, ricordiamoci sempre di non sostituirci all’anziano.

A volte pensiamo che se l’anziano non riesce a far qualcosa dobbiamo farlo noi per lui, almeno in parte, perché temiamo che si possa sentire incapace; in realtà, noi gli stiamo confermando che da solo non ce la può fare e lo abituiamo a chiedere aiuto anziché agire autonomamente. Ciò non significa stare fermi e muti nell’attesa di una sua risposta, ma, nel caso, sollecitarlo attraverso strategie che lo aiutino a ricordare meglio o a fare meglio da solo. Per esempio, se chiedo all’anziano di colorarmi un disegno e lui afferma di non sapere come fare, io gli posso far scegliere alcuni colori che gli piacciono e poi mettere un segno con quel colore nella parte da colorare; in questo modo egli colorerà più sicuro e nello stesso tempo non si sentirà vicariato.

Per fare un altro esempio, negli esercizi di fluenza verbale, dove il soggetto deve elencare più parole possibili che iniziano con una stessa lettera alfabetica, quando succede che l’anziano non ricorda più altre parole, si può cercare di stimolarlo ricordandogli le varie categorie (“Ci sono anche i nomi di persona che iniziano con questa lettera” oppure “ci sono anche i nomi di città”) e poi utilizzare degli aiuti che stimolino la memoria semantica come per esempio “Con questa lettera inizia anche il mestiere dove si lavora con il legno” oppure “con questa lettera inizia il nome della città capitale d’Italia”. E’ molto più importante, a livello di progressi cognitivi, che l’anziano trovi anche soltanto tre parole, ma da solo o stimolato, rispetto a che ne dica cinque perché tre gliene abbiamo dette noi. La volta successiva magari ne dirà una o due in più e questo per lui sarà molto importante, diversamente, se vicariato, sarà più probabile che si impigrisca mentalmente sapendo che se non ricorda poi ci siete voi che lo compensate.

 

Libri

Se credi che questo articolo possa essere utile e vuoi contribuire alla sua diffusione, condividilo attraverso uno dei canali social presenti qui sotto!
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
1.494 utenti hanno letto questo articolo

Lascia un commento

Presente su:

Idea Psicologo
Ordine degli Psicologi delle Marche

Contatti:

Senigallia (AN): Via Marche, 71
+(39) 347.9471337
scrivi una mail
P.IVA 02240300422
C.F. PDRLRA66P57I608R

Seguimi sui social:

Facebookgoogle_pluslinkedinyoutube