Prenota un appuntamento con la Dott.ssa Pedrinelli Carrara 347.9471337

Come utilizziamo l’attenzione (con esercizi specifici)

Come utilizziamo l’attenzione (con esercizi specifici)

L’attenzione è la capacità di utilizzare, distribuire e mantenere le diverse abilità mentali disponibili in funzione della circostanza o della prestazione che stiamo svolgendo.

Se, per esempio, guardiamo una partita di calcio, l’attenzione ci aiuterà a poter ascoltare, osservare, comprendere meglio tutto quanto avviene. Ciò sarà utile perché possiamo ricordarlo con più precisione quando ne pareremo con i nostri amici.

Abbiamo così compreso come l’attenzione ci abbia aiutato nei diversi compiti cognitivi, non ultimo il ragionamento che facciamo in base alle strategie di gioco che notiamo e a quelle che valutiamo possano essere efficaci o deleterie.

Senza attenzione tutte le nostre abilità cognitive ne traggono un danno importante.

Si distinguono generalmente 3 tipi di attenzione

L’attenzione divisa

L’attenzione divisa riguarda la capacità di prestare attenzione ed elaborare informazioni differenti e numerose che si presentano assieme. Essa ci permette di poter eseguire più compiti contemporaneamente.

Un esempio è il preparare la colazione: scaldare il latte, fare il caffè, apparecchiare la tavola, sono azioni che la persona fa contemporaneamente, perciò mentre le esegue mantiene l’attenzione su ogni mansione che sta svolgendo per evitare di far bollire il latte, di far uscire il caffè dalla caffettiera e di non mettere nella tavola tutto l’occorrente per la colazione.

L’attenzione selettiva

Attraverso l’attenzione selettiva riusciamo a concentrarci su uno o più stimoli distinguendoli tra altri stimoli distrattori o tra informazioni complesse e contrastanti.

Un esempio di attenzione selettiva è il cercare un libro nella libreria. In questo caso, abbiamo tanti stimoli simili e fra questi dobbiamo trovarne uno diverso dagli altri a volte soltanto per il titolo e per il numero di pagine.

L’attenzione sostenuta o vigilanza

L’attenzione sostenuta o vigilanza è la capacità di far permanere l’attenzione sugli stimoli per un periodo di tempo prolungato.

Un esempio è il guardare una partita di tennis, dove per alcune ore ci si trova a dover mantenere l’attenzione sui giocatori e sulla pallina.

E’ uscito il corso SVILUPPARE L’INTELLIGENZA EMOTIVA clicca sul titolo del corso per leggere l’articolo e approfondire i contenuti oltre a poter guardare il video di presentazione e le prime due lezioni gratis.

Come sollecitare l’attenzione?

Ci sono diversi esercizi che possono aiutare la persona, anziano o adulto che abbia bisogno di una stimolazione cognitiva mirata.

E’ molto importante sapere che quando stimoliamo mentalmente una persona non facciamo mai un lavoro escludente le altre abilità, ma al contrario, anche quando ci basiamo soprattutto su un tipo di risorsa cognitiva, lavoriamo sempre a largo spettro.

Esercizio per Stimolare l’attenzione divisa

Collega senza mai staccare la penna le seguenti lettere valutando che devi unire alternativamente una lettera e un numero andando in ordine alfabetico e numerico.

Esempio: 11-M-12-N-13-O-14-P

 

A            2            C         1

 

B           3           4          D

 

Esercizio per Stimolare l’attenzione  selettiva e sostenuta

Fai una crocetta sopra tutte le lettere – i –  che trovi scritte nel brano, ce ne sono 35!

Un giorno un mendicante si fermò sotto un albero per aspettare che passasse qualche viandante e gli donasse qualche spicciolo.

Passò una suora che notando il mendicante si accostò scusandosi di non avere nulla con sé da dargli, ma assicurando che avrebbe pregato per lui.

Passò un ricco signore che non degnò neanche di uno sguardo il pover’uomo. Infine giunse un bimbo irriverente che iniziò a sbeffeggiare il mendicante. Poi, però, prese la fionda e tirò verso un  ramo, facendo cadere una succosa mela nelle mani dell’uomo.

Ti capita di interagire con l’anziano aggressivo?
Rifletti sulla possibilità di svolgere un corso teorico esperienziale online!
Il corso teorico-pratico su Come gestire una comunicazione aggressiva è un corso on demand quindi puoi usufruirne in modo molto semplice quando vuoi, collegandoti al computer, e al termine riceverai un attestato di partecipazione.
Attraverso spiegazioni esemplificate e cartelle esperienziali potrai provare in modo pratico e veloce le tecniche che ti aiuteranno a gestire l’aggressività dell’anziano.
Lo trovi su Udemy  andando a questo link https://www.udemy.com/come-gestire-una-comunicazione-aggressiva/    inoltre, nella stessa pagina potrai vedere il video gratuito di presentazione dove sono descritti tutti i contenuti del corso.

Gli esercizi sono tratti dal libro Allenamento cognitivo a circuito. Training per il potenziamento delle abilità intellettive in adulti e anziani – Laura Pedrinelli Carrara Ed. Erickson 2018

Possono interessarti anche gli articoli:

Stimolare l’attenzione nell’anziano

L’arte terapia con l’anziano

Gli esercizi per la coordinazione oculo-manuale

10 consigli per prevenire l’invecchiamento mentale

Possono interessarti anche i libri:

Attività di animazione con gli anziani Stimolare le abilità cognitive e socio-relazionali nella terza età – Laura Pedrinelli Carrara   Ed. Erickson collana I Materiali (2013).

Una mente attiva. Precorsi di stimolazione cognitiva per la terza età età – Laura Pedrinelli Carrara  Ed. Erickson collana I Materiali.

 

Dott.ssa LAURA PEDRINELLI CARRARA
Psicologa, Psicoterapeuta, Ipnotista Ericksoniana
Studio in Via Marche, 71 a Senigallia (An)
Cell. 347/9471337
www.laurapedrinellicarrara.it

laurapedrinelli@libero.it

 

Se credi che questo articolo possa essere utile e vuoi contribuire alla sua diffusione, condividilo attraverso uno dei canali social presenti qui sotto!
Facebooktwitterlinkedinmail
4.567 utenti hanno letto questo articolo

Presente su:

Contatti:

Senigallia (AN): Via Marche, 71
+(39) 347.9471337
scrivi una mail
P.IVA 02240300422
C.F. PDRLRA66P57I608R

Seguimi sui social:

Facebooklinkedinyoutube