Contatta la Dott.ssa Pedrinelli Carrara 347.9471337

La solitudine sociale

La solitudine sociale riguarda tutte quelle situazioni nelle quali la persona si sente emarginata o distanziata, esclusa o etichettata nel suo ambiente di vita.

Un individuo può sentirsi solo perché diverso culturalmente dagli altri, quindi trova difficoltà nel confrontarsi e nel condividere le regole della propria cultura. Per questo motivo cercherà persone più affini a lui perché comunque con loro si sentirà meno solo. Ci sono molte persone che si sentono particolarmente legate alla propria cultura e a volte, se ne rendono conto solo quando la cambiano. Questo non è un limite, nessuno afferma che bisogna evitare le altre culture, anzi, è bello conoscerle, ma la propria cultura è quel valore che rappresenta le proprie origini, la propria terra, i propri avi, la propria storia e a cui siamo spesso particolarmente legati.

In altri casi la persona si sente sola perché fa parte di un ceto sociale svantaggiato e quindi si sente poco compresa dalle altre persone e in un certo modo emarginata.

Ci sono poi situazioni in cui si prova solitudine per motivi di diversità data da differenze fisiche o comportamentali.

E’ sempre importante capire l’oggettività della situazione nella quale ci sentiamo soli socialmente, a volte siamo noi che ci autoescludiamo, altre volte assumiamo senza accorgerci una atteggiamento più freddo o distaccato o provocatorio che si ripercuote nel comportamento di chi abbiamo di fronte, per fare un esempio, se entro in un negozio pensando già che la commessa mi giudicherà in modo negativo e mi servirà con mal voglia è possibile che anche se penso di presentarmi in modo amichevole questo mio disagio possa esserle trasmesso e creare in lei un comportamento più freddo.

Nessuno nega che ci sono anche situazioni nelle quali le persone vengono realmente escluse perché sottovalutate o valutate in modo negativo, ma in questo caso è bene anche pensare che chi si atteggia in questo modo non è sicuramente una persona da stimare e da cui desiderare un buon rapporto di amicizia.

Di fatto, è fondamentale valutare approfonditamente le situazioni per capire dove magari involontariamente ci mettiamo del nostro, perché siamo generalmente prevenuti o perché non crediamo di poter avere scambi positivi in quel determinato ambito, per discernerle dalle situazioni in cui è la mentalità gretta dell’altro a farci sentire esclusi. Se nel primo caso possiamo lavorare su di noi per migliorare la nostra integrazione, nel secondo caso forse è anche bene che diamo meno peso al giudizio dell’altro.

Solitamente le persone che giudicano fortemente gli altri e che tendono ad escludere chi, per qualsiasi motivo, ritengono troppo diverso da sé hanno una autostima bassa, provano un elevato senso di insicurezza e non sono realmente felici. Di fatto, questo comportamento serve a mascherare le loro insicurezze e a palesare un carattere forte e deciso che invece non hanno.


P.S. Vedi anche gli altri articoli di questo sito sulla solitudine che trovi cliccando qui La solitudine
Se credi che questo articolo possa essere utile e vuoi contribuire alla sua diffusione, condividilo attraverso uno dei canali social presenti qui sotto!
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
364 utenti hanno letto questo articolo

Lascia un commento

Presente su:

Idea Psicologo
Ordine degli Psicologi delle Marche

Contatti:

Senigallia (AN): Via Marche, 71
+(39) 347.9471337
scrivi una mail
P.IVA 02240300422
C.F. PDRLRA66P57I608R

Seguimi sui social:

Facebookgoogle_pluslinkedinyoutube