Contatta la Dott.ssa Pedrinelli Carrara 347.9471337

Il senso di solitudine

Il senso di solitudine è uno stato d’animo soggettivo che può instaurarsi non tanto a causa di un avvenimento esterno quanto in base all’elaborazione del pensiero del soggetto, a come cioè egli percepisce e interpreta le proprie vicende di vita.

Quando provo emozioni, l’evento scatenante può essere esterno e/o interno a me e vengono vissute e manifestate in base al carattere del soggetto e al suo modo di percepire gli eventi dentro e intorno a lui, oltre che alla situazione fisiologica, storica e contestuale. Per fare alcuni esempi, se ho davanti un orso arrabbiato, la mia paura è, in questo caso, strettamente legata ad un avvenimento esterno a me, ma che mi coinvolge perché minaccia la mia vita; se vinco alla lotteria sono felice perché ho fatto la scelta più giusta nel comprare il biglietto e perché la fortuna mi ha sorriso dandomi ora l’opportunità di potermi togliere varie soddisfazioni. Nel caso del senso di solitudine, invece, sembra che le motivazioni che lo scatenino siano soprattutto interne al soggetto, non è un caso se una persona può sentirsi sola pur in un periodo molto bello e positivo per sé con attorno tante persone che le vogliono bene e che la stimano e al contrario un individuo può non sentirsi affatto solo anche se ha una vita abbastanza isolata.

Con questo non voglio affermare che il senso di solitudine sia distaccato dagli avvenimenti esterni, come per tutte le emozioni che proviamo, noi siamo coinvolti dal nostro ambiente interno ed esterno, rispetto però a molti altri stati emotivi nel senso di solitudine la parte cognitiva del soggetto, cioè quella nella quale la persona riflette sui propri vissuti, analizza la situazione e trae delle considerazioni, ha un aspetto preponderante. Per ritornare all’esempio classico già sfruttato, io posso oggettivamente aver paura di un orso inferocito, e se non lo sono qualcosa in me non va, poi magari capisco che per sopravvivere devo affrontarlo ma ciò non significa che non provo paura, magari ciò che varia è l’intensità; al contrario, io posso rimanere completamente solo e non provare il senso di solitudine perché dentro di me non mi sento solo.


P.S. Vedi anche gli altri articoli di questo sito sulla solitudine che trovi cliccando qui La solitudine
Se credi che questo articolo possa essere utile e vuoi contribuire alla sua diffusione, condividilo attraverso uno dei canali social presenti qui sotto!
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
469 utenti hanno letto questo articolo

Lascia un commento

Presente su:

Idea Psicologo
Ordine degli Psicologi delle Marche

Contatti:

Senigallia (AN): Via Marche, 71
+(39) 347.9471337
scrivi una mail
P.IVA 02240300422
C.F. PDRLRA66P57I608R

Seguimi sui social:

Facebookgoogle_pluslinkedinyoutube