Prenota un appuntamento con la Dott.ssa Pedrinelli Carrara 347.9471337

Lo stress da sovraccarico emotivo: riconoscerlo e lenirlo (con audio dell’articolo)

Lo stress da sovraccarico emotivo: riconoscerlo e lenirlo (con audio dell'articolo)

PUOI ASCOLTARE LA LETTURA DEL BRANO IN QUESTO AUDIOARTICOLO

Le reazioni agli stimoli sono diverse per ogni persona, ognuno ha un proprio modo e tempo di reagire in base a quattro fattori:

  • Fattore organico: fanno parte del fattore organico i livelli di attivazione fisiologica (arousal), le reazioni corporee e viscerali (arrossire, battito cardiaco accellerato, sudore freddo, ecc.).
  • Fattore emozionale: riguarda il tipo di emozione o di emozioni che la persona sta vivendo (generalmente se ne prova sempre più di una, ma si avverte soprattutto o solo quella dominante) .
  • Fattore comportamentale: si esprime attraverso il modo col quale la persona manifesta quella o quelle emozioni. Alcuni esempi sono: la fuga, il sorriso, il pianto, il correre per la preoccupazione di fare ritardo)
  • Fattore cognitivo:  è rappresentato dal ragionamento che la persona attua per spiegare lo stato emotivo che sta vivendo, ciò che sta succendendo e come reagire).

Come gli stimoli possono influenzare la mente?

Quando si sta vivendo un periodo di forti emozioni (per esempio: un lutto, una separazione, periodi di lavoro frenetico, altre situazioni per cui si prova molta ansia, tristezza, paura, gioia o rabbia), l’intensità e la durata delle emozioni possono interferire con la normale attività mentale.

Di fatto, soprattutto per quanto riguarda le emozioni vissute come negative, provare a lungo ansia o rabbia può produrre uno stress elevato che se prolungato può interferire chimicamente col cervello attraverso la troppa produzione di ormoni (cortisolo, adrenalina, ecc.).

Il bisogno continuo ed elevato di ormoni specifici produce un disequilibrio recando difficoltà di concentrazione e memoria, influenzando l’eloquio (la persona fa fatica a trovare le parole) e la capacità di apprendimento.

Questi “inceppi cognitivi” durano fino a che l’individuo non diminuisce i livelli di stress. Attraverso un recupero di tranquillità emotiva o una riduzione dei fattori di stress, la persona recupera pienamente la propria capacità di performance mentale.

Come lenire i livelli di stress

Dando per scontato che la causa dello stress non sempre è possibile farla scomparire, è importante attivarsi per:

  • Diminuire lo stato emotivo troppo intenso e prolungato attraverso l’acquisizione di spazi personali rilassanti e gratificanti. Spesso basta poco, anche un caffè con un amico o con una amica, l’ascolto di una canzone in tranquillità, un esercizio di respirazione o di rilassamento, il suonare un brano,  la colorazione di un Mandala. Questi sono soltanto alcuni esempi, ma è fondamentale fare ciò che ci rilassa e continuare a trovare uno spazio specifico. Se ci concediamo un momento rilassante e/o divertente una volta al mese è probabile che non sia abbastanza. Spesso basta anche poco, l’importante è che ci gratifichi e ci ricarichi, quindi bisogna che avvenga con una certa frequenza.
  • Variare il modo di vivere certe situazioni e di reagirvi. A volte diamo troppo peso a certi comportamenti dando all’altro il potere di coinvolgerci negativamente e di stressarci.
  • Cercare di essere maggiormente elastici. Possiamo anche accettare di non riuscire ad avere la perfezione da noi stessi e dagli altri, di rimandare alcune commissioni, di non essere succubi dei doveri.
  • Evitare di prendenderci sempre troppo sul serio. Scherziamo anche con noi stessi invece di arrabbiarci se qualcosa non va come dovrebbe. Va bene irritarsi per una causa importante, ma a volte una sana risata può farci capire che i problemi gravi spesso sono altri.

Negli articoli elencati sotto potrai trovare approfondimenti in merito ed esercizi, mentre nei libri otterrai veri e propri strumenti.

Se vuoi migliorare il tuo benessere ti sarà molto utile il mio corso on line Esercizi per gestire l’ansia e lo stress potrai così sperimentare diverse attività per il corpo e la mente che ti aiuteranno a scaricare le emozioni negative e a organizzare meglio il tuo tempo. Inoltre, cliccando nel link potrai vedere il video di presentazione gratuito dove sono descritti tutti i contenuti del corso. E’ un corso ON DEMAND quindi potrai svolgerlo quando ti è più comodo. Nella HOME del mio sito, nella sezione FORMAZIONE ON LINE ON DEMAND troverai anche altri corsi come quelli su  La prevenzione e la gestione del conflitto e Come gestire una comunicazione aggressiva

Possono interessarti anche i seguenti articoli

L’importanza della respirazione (con esercizio da svolgere)

Tecniche per ridurre l’ansia, lo stress o la tensione nervosa

8 modi per migliorare il proprio benessere o per ritrovarlo

Evitare le ruminazioni mentali scrivendo

 Libri

Laura Pedrinelli Carara La conoscenza e la gestione delle emozioni del paziente del caregiver famigliare e dell’operatore  Streetlib (2016).

Laura Pedrinelli Carrara Quattro passi per volersi bene: tecniche per migliorare il proprio benessere psicologico  Streetlib (2015).

Laura Pedrinelli Carrara Una mente attiva. Precorsi di stimolazione cognitiva per la terza età Ed. Erickson collana I Materiali (2015)

Laura Pedrinelli Carrara – Allenamento cognitivo a circuito – Ed. Erickson 2018



Dott.ssa LAURA PEDRINELLI CARRARA
Psicologa, Psicoterapeuta, Ipnotista Ericksoniana
Studio in Via Marche, 71 a Senigallia (An)
Cell. 347/9471337
www.laurapedrinellicarrara.it
laurapedrinelli@libero.it

Se credi che questo articolo possa essere utile e vuoi contribuire alla sua diffusione, condividilo attraverso uno dei canali social presenti qui sotto!
Facebooktwitterlinkedinmail
1.888 utenti hanno letto questo articolo

Presente su:

Contatti:

Senigallia (AN): Via Marche, 71
+(39) 347.9471337
scrivi una mail
P.IVA 02240300422
C.F. PDRLRA66P57I608R

Seguimi sui social:

Facebooklinkedinyoutube